Hezbollah: “Trump castiga Venezuela, Siria e Iran per ottenere quello che non ha conseguito per via militare”Il segretario generale di Hezbollah condanna le sanzioni statunitensi sul petrolio iraniano, ritenute uno strumento per castigare anche paesi come Siria e Venezuela cercando di ottenere quello che non si è riuscito a conseguire per via militare. “Siamo di fronte all’arroganza e all’ostilità degli Stati Uniti nei confronti di un grande e importante paese, nonché un’aggressione contro il mondo intero. Ciò riguarda le Nazioni Unite”, ha dichiarato il segretario generale del Movimento di resistenza islamica del Libano (Hezbollah), Seyed Hasan Nasrallah, in un discorso televisivo.   Nasrallah, in questo modo, ha denunciato la decisione di oggi del presidente degli Stati Uniti Donald Trump di non prorogare il periodo di esenzione dalle sanzioni per l’acquisto di greggio iraniano che scade il 2 maggio. Le esenzioni hanno permesso ad alcuni paesi di importare petrolio iraniano senza subire sanzioni statunitensi.   Nasrallah ha attribuito la nuova misura anti-iraniana di Washington alla sua incapacità di materializzare gli obiettivi che ha escogitato per il paese persiano. “Trump cerca di punire Iran, Venezuela e Siria per ottenere ciò che non ha ottenuto con mezzi militari”.   Sulla stessa falsariga, ha considerato l’annuncio di Trump come un segno della “arroganza” praticata dagli Stati Uniti, la violazione delle leggi di quel paese e la sua ostilità nei confronti di altri paesi.    “Dov’è la comunità internazionale? Oggi siamo di fronte alla legge della giungla (le misure del) governo americano”, ha affermato.   Per il segretario generale di Hezbollah, la cancellazione delle esenzioni dalle sanzioni anti-iraniane avrà conseguenze negative, come l’aumento del prezzo del petrolio, che rappresenterà anche una sfida per gli Stati Uniti.   Nasrallah, in un altro momento delle sue dichiarazioni, ha criticato l’Arabia Saudita e gli Emirati Arabi Uniti (EAU) per aver seguito le orme di Trump nella sua aggressione contro l’Iran.   In effetti, la Casa Bianca, facendo l’annuncio sulla decisione di Trump, ha mostrato che Riad e Abu Dhabi “hanno accettato di prendere le misure appropriate per assicurare la soddisfazione della domanda globale prima del ritiro di tutto il petrolio iraniano dal mercato”.   L’Iran, da parte sua, ha dichiarato che la decisione degli Stati Uniti di non rinnovare le esenzioni delle sanzioni “non ha valore”, assicurando che agirà dopo aver discusso della questione con i suoi partner.  

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.