Inizia L’era dio DIO Parigi, grosso incendio devasta Notre-Dame: crollati il tetto e la guglia | Le autorità: “Non resterà nulla”

Le fiamme sono partite dal sottotetto della cattedrale che è stata evacuata dai pompieri. La disperazione di Macron: “Muore una parte di noi”. La Procura apre un’inchiesta, il rogo si propaga alle torri. Testimoni in lacrime di fronte alla tragedia

Un grosso incendio è scoppiato nella cattedrale Notre-Dame di Parigi. Le immagini mostrano un intenso fumo bianco levarsi dalla struttura. Il rogo, che ha provocato il crollo del tetto e della guglia simbolo della città, si è sviluppato da un’impalcatura per i lavori di restauro. L’intera Ile-de-la Citè, dove sorge la cattedrale, è isolata. La Procura parigina ha aperto un’inchiesta. “Sta bruciando tutto e non rimarrà nulla della struttura in legno”, ha detto il portavoce André Finot.

I pompieri hanno precisato che le fiamme sono scoppiate nel sottotetto della cattedrale. La chiesa è stata evacuata e intorno i pompieri hanno istituito un ampio perimetro di sicurezza. Le fiamme stanno divorando tutte le impalcature della struttura gotica. Intanto il rogo si è propagato a una delle due torri iconiche.

Sedici statue del tetto di Notre-Dame si sono salvate per un soffio dall’incendio che sta devastando la cattedrale di Parigi: erano state rimosse per essere restaurate solo quattro giorni fa, l’11 aprile. Lo riferiscono i media francesi, spiegando che è intatto anche il “tesoro” di oggetti sacri presente nella struttura. I monumenti, alti tre metri e pesanti 250 chili, sarebbero dovuti tornare al loro posto, dopo il restauro, nel 2022.
Nel frattempo le autorità di Parigi hanno deciso di evacuare i circa mille residentidell’Ile de la Cité, l’isola sulla Senna dove sorge Notre-Dame, e ha messo a disposizione uno spazio in un altro quartiere per coloro che non hanno altre soluzioni per passare la notte.

L’amministrazione della capitale francese ha aperto un’unità di crisi presso l’Hotel de Ville. “Fiamme sviluppate dall’alto, alimentate probabilmente dalla copertura lignea del tetto: una situazione difficilissima per i nostri colleghi che ora potranno solo contenere i danni evitando la diffusione del rogo”, ha commentato Fabio Dattilo, capo del Dipartimento dei vigili del fuoco. E in questo caso, ha sottolineato, “è anche impossibile l’intervento degli elicotteri, che sarebbe inefficace”. Nel mirino i lavori di ristrutturazione sulla cattedrale: “Anche il Teatro della Fenice a Venezia bruciò quando c’era un cantiere”.
La cenere e le braci ci cadono sulla testa, i pompieri e la polizia urlano che eè pericoloso e cercano di fare arretrare la gente. Le fiamme continuano a infuriare”. E’ questa una delle drammatiche testimonianze raccolte in strada tra le migliaia di persone che hanno assistito esterrefatte all’incendio della cattedrale

Molti fedeli si sono radunati sul Lungosenna all’altezza della cattedrale di Notre-Dame in fiamme, intonano preghiere e canti. Alcuni piangono, altri alzano le braccia al cielo, in un’atmosfera di grande emozione e tensione. Attorno all’Ile-de-la-Cité il traffico è bloccato e la gente affluisce a piedi. Intanto la Santa Sede ha accolto la notizia “con shock e tristezza”.

Segnale di Dio , nei Bambini non si tocca.

Gesù Cristo e suoi discepoli, Gesù in mezzo a una moltitudine di persone, parlava dell’amore di suo Padre verso noi umani. I discepoli cercavano di allontanare i bambini da Gesù. Gesù Cristo vide e gli disse: <<” Lasciate venire a me i bambini! Perché alloro appartiene i Reino Dei Cieli.”>>

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.