Un tunnel e una camera segreta sotto alla Piramide della Luna

Sopra alla Piramide della Luna si tenevano cerimonie dedicate alla Grande Dea del complesso di Teotihuacán, la divinità della pioggia, della terra, della fertilità e della creazione stessa.

La Piramide della Luna, la seconda più grande costruzione del complesso rituale precolombiano di Teotihuacán, in Messico, ha nascosto un segreto (anzi, due) per 1700 anni. Sotto alla struttura che si erge per 43 metri, ci sarebbero infatti un tunnel e una camera nascosta, a una profondità di circa 8 metri. La scoperta archeologica di cui qualche dettaglio è stato rivelato il 24 ottobre, è basata su almeno tre secoli di supposizioni e studi, anche se nessuno si è ancora spinto a scavare sotto al complesso archeologico, importantissimo centro religioso per le civiltà che precedettero gli aztechi.

SENZA ROMPERE. L’Istituto Nazionale di Antropologia e Storia (INAH) messicano ha lavorato in collaborazione con i geofisici dell’Università Nazionale Autonoma del Messico nella zona archeologica a circa 40 km dalla capitale. Utilizzando una tecnica chiamata tomografia elettrica multielettrodo (ERT) utile per individuare le strutture sepolte, gli scienziati avevano inizialmente accertato, nell’estate 2017, la presenza di un passaggio segreto non meglio caratterizzato, sotto alla piramide.

Lo studio del suolo sottostante la Piramide della Luna. | INSTITUTE OF GEOPHYSICS OF THE UNAM

Ora per la prima volta è arrivata notizia di una camera nascosta del diametro di 15 metri, ed è stata forse localizzata anche un’entrata del tunnel, a sud della Piazza della Luna, di fronte alla maestosa piramide. Un altro ingresso della galleria si trova forse sul lato est della struttura.

UN’ANTICIPAZIONE DEL VIAGGIO.Non è chiaro a cosa servissero questi spazi, ma l’ipotesi è che la stanza potesse avere una qualche destinazione funeraria, e che il tunnel imitasse una sorta di “passaggio” verso l’Oltretomba. All’esterno della Piramide, costruita attorno al terzo secolo dopo Cristo, sono stati trovati diversi scheletri con deformazioni al cranio e oggetti in pietra verde come statuine e collane. Negli ultimi anni, inoltre, sono emerse evidenze di sacrifici di animali selvatici in altre aree sotterranee del complesso. Da questi indizi, ci si può forse fare un’idea di cosa potremmo trovare, dovessimo un giorno riuscire ad accedere a questi spazi.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.